Perché batti le mani? Per far si che le sedie smettano di correre. Ma qua è tutto immobile. Allora vedi che funziona?

Lascia un commento

Andavo a scuola dal Lunedì al Venerdì. Sei lunghissime ore. Appena suonava la campanella correvo a casa, verso quella magica scatola piena di figure animate ed i loro sogni.

Lascia un commento

Ho colmato i miei vuoti riempiendo gli spazi intercostali di cianfrusaglie di ogni genere. Piatti, magneti e apri bottiglie. Cartoline, grembiuli, accendini e spille.

Lascia un commento

Volevo andare al mare, sentire il mio viso baciato dal sole. Purtroppo il freddo ha deciso di restare e come una gabbia mi continua a minacciare.

Lascia un commento

Tutti parlano di silenzio assenso perché è più facile che provare a guardarmi negli occhi e comprendere quello realmente penso.

Lascia un commento

Aveva una armatura di mattoni, di quelle che vengono smosse solo da i tuoni. Era una guerriera silenziosa, pensava che il karma avrebbe sistemato ogni cosa.

Lascia un commento

Di giorno non è altro che un semplice murales che brilla sotto il sole ma di notte si trasforma nel circolo del sognatore. Lì puoi trovare di tutto: lampadine nuove di pacca, polverosi abbecedari e cartoline variopinte. C’è persino un giovane chitarrista che suona pensando […]

Lascia un commento