1 commento
case, corpo, cortili, finestre, opere d'arte, paesaggio, paesaggio urbano, persone, porte, urban poetry, venezia

Ci ritrovammo così, a distanza di tempo, coi nostri drammi e le nostre avventure. Eravamo più vicini ai trenta che ai venti e nonostante tutto ci sentivamo ancora due ragazzini, pronti a ridere per qualunque cosa.

One thought on “”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...